Diocesi di Gaeta: nuove forme di assistenza ai nuovi poveri

DICONO DI NOI

 

Solo nel Lazio sono attorno al 21.7%. I NEET sono i nuovi poveri e vanno aiutati con nuovi progetti di assistenzialismo, come CariTerre

foto di repertorio

 

“La Cartas diocesana, sulle orme di Caritas Italiana, intende superare la mentalità di una Caritas assistenzialista- ha dichiarato don Alfredo Micalusi, direttore della Caritas diocesana di Gaeta- l’obiettivo è provare a cambiarla, ripensandola in grado di rendere le persone protagoniste del proprio futuro. La parola-chiave è ‘empowerment’”. “Da alcuni anni stiamo lavorando a diversi progetti – continua don Alfredo– uno di questi è CariTerre, che prova a rendere le persone protagoniste del proprio futuro”.

“CariTerre è un progetto creato per l’inserimento di persone a rischio di emarginazione sociale, che potranno formarsi e acquisire delle competenze spendibili nel mondo del lavoro – spiega Assunta Paone, responsabile amministrativo della Caritas diocesana – si rivolge a uomini e donne, italiani e stranieri con regolare permesso di soggiorno e con un livello sufficiente della conoscenza della lingua italiana, in età lavorativa dai 18 ai 50 anni, con capacità lavorative, appartenenti ad un nucleo familiare bisognoso di supporto economico e sociale. Verranno erogate 4 borse lavoro con retribuzione e 60 corsi di formazione con rimborso spese”.

Chi sono i nuovi indigenti?- Progetti come quello di CariTerre hanno portato l’attenzione ad un fenomeno, se così si può dire, che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede ed è sconosciuto i più: si tratta dei NEET. La parola NEET è l’acronimo inglese per “not (engaged) in education, employment or training”, in italiano indica persone, per lo più ragazzi, non impegnati nello studio, né nel lavoro né nella formazione.

I numeri non sono precisi, ma un’idea di quanti siano c’è: 13 milioni e mezzo in Europa, un quarto dei giovani di questa fascia d’età solo in Italia, il 26%. Hanno un’età compresa tra 15 e 29 anni, e pagano alla crisi, o all’incapacità del sistema educativo, lo scotto più alto: l’esclusione dal sistema sociale. In Europa sono aumentati dal 10,9% del 2007, al 12,4% del 2014. Dal 16,2% al 26% in Italia. Un primato, quello del nostro Paese, ottenuto con distacco: per essere classificati «very high rate» basta il 17%. La media Ue è del 15%. Solo la Grecia fa peggio di noi: 28%, mentre la Germania è all’8% e la Francia al 13. Solo nel Lazio, siamo mediamente attorno al 21.7% secondo gli ultimi dati Istat aggiornati al 2017. C’è da tener presente però, che la maggior parte della forza lavoro giovanile ad oggi è con contratti a nero, pagati sotto banco e quindi non registrati. Per cui un dato certo non lo si avrà mai.

 

(Articolo pubblicato da Francesca Iannello per Tutto Golfo, il 10 dicembre 2018)

leggi l’articolo originale

 

 

Lascia un commento