Osare se stessi. Lavoro e dignità

Ognuno di noi sente dentro di sé

una inclinazione, un carisma.

Un progetto che rende ogni uomo

unico e irripetibile.

Questa chiamata, questa vocazione

è il segno dello Spirito Santo in noi.”

Padre Pino Puglisi

 

Cos’è

“Osare se stessi. Lavoro e dignità” nasce dall’esigenza di promuovere l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, provenienti da contesti problematici, con un particolare focus su situazioni di disagio, devianza socio ambientale e condizioni di vita precarie o conflittuali. Il progetto favorirà la creazione di una concreta opportunità formativa e lavorativa per donne e uomini che, per diverse ragioni, vivono una condizione di fragilità e di marginalità.

 

 Quali obiettivi

L’obiettivo principale del progetto è la creazione di reali opportunità di integrazione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro rivolte a persone fragili. Accompagnati da un’équipe multidisciplinare, ciascuno di essi avrà la possibilità di misurarsi con le proprie capacità e seguirà un percorso formativo personalizzato verso una maggiore consapevolezza di sé e autonomia.

 

Attività progettuali

Si prevede l’attivazione di tirocini e di laboratori formativi. Concretamente si opera nell’ambito della logistica:

  • etichettatura, imballaggio e spedizioni di prodotti agroalimentari provenienti dai circuiti dell’economia sociale (cooperative che gestiscono i beni confiscati alle mafie e progetti di rieducazione carceraria);
  • raccolta e smistamento delle donazioni provenienti da Caritas Italiana o da enti pubblici e privati, destinati alle famiglie e persone indigenti tramite i centri di ascolto delle Caritas parrocchiali.

 

Cosa fa la Caritas

La Caritas parrocchiale presenta i candidati e, in collaborazione con l’équipe multidisciplinare di progetto, li accompagna durante tutto il percorso partecipando attivamente alla buona riuscita dell’esperienza; a conclusione del progetto, continua l’affiancamento pedagogico perché l’esperienza possa essere messa a frutto.

La Caritas diocesana si impegnerà a:

  • stipulare con i destinatari del progetto un patto formativo;
  • accompagnare e monitorare tutta l’esperienza, offrendo a tutti i partecipanti un percorso formativo personalizzato che sia strutturato sulla base del vissuto ma che tenga conto anche delle aspirazioni e dei sogni che ciascuno porta in sé.

 

Destinatari del progetto

Il progetto si rivolge a giovani donne e giovani uomini in età lavorativa:
 italiani e/o stranieri (con regolare permesso di soggiorno e con un livello sufficiente di
conoscenza della lingua italiana);
 detenuti e/o ex detenuti;
 inoccupati;
 persone con ridotte capacità lavorative

 

Cosa fa il destinatario del progetto

Il destinatario del progetto si impegnerà a:

  • sottoscrivere il patto formativo con la Caritas, al fine di cogliere il progetto come occasione di crescita e incremento delle proprie risorse individuali, fondamentali per l’inserimento nel mondo del lavoro e, più in generale, nella comunità;
  • partecipare con impegno alle attività che il progetto prevede, rispettando gli orari e le indicazioni fornite.

 

 

Info

  • In allegato in basso il modulo di adesione che dovrà essere inviato all’indirizzo caritas@arcidiocesigaeta.it entro il 31 maggio 2022.
  • Si ricorda che per chi si rivolge in Caritas la prima volta è necessario compilare la Scheda Informativa Personale e l’Informativa Assistito OspoWeb (allegato H) scaricabili nella sezione Modulistica.
  • Per parlare con un operatore: Martedì e Venerdì  09:30 -13:00 +39 324 5356165 (Whatsapp H24); caritas@arcidiocesigaeta.it

 

ALLEGATI